|

Fondazione De Gasperi - Franco Frattini: "rifondare la comunità euromediterranea"


Share/Bookmark




Elaborare un piano per il Mediterraneo per rafforzare le giovani democrazie nord africane e il partenariato tra Ue e governi democratici. E' questo l’obiettivo che ho sottolineato oggi durante il convegno promosso dalle fondazioni Alcide De Gasperi e Konrad Adenauer sul tema "L'Unione Europea e le strategie di stabilizzazione politica sociale dei paesi extraeuropei del Mediterraneo", che si e' svolto a plazzo Giustiniani.

Le rivoluzioni della Primavera araba hanno posto Europa e Occidente di fronte a un cambiamento di prospettiva e a una nuova sfida: quella di comprendere come solo una visione unica del Mediterraneo possa generare un ruolo da protagonista in un'area dove finora siamo stati solo spettatori che guardavano agli eventi, senza muoversi. Una nuova sfida da affrontare insieme al mondo arabo: quella di un piano vero ed omnicomprensivo per rifondare le basi della comunità euro mediterranea.
Quelle rivoluzioni ci hanno fatto capire l'errore di aver costruito partenariati con leader non democratici che sacrificavano la vita delle persone. Si trattava di governi fragili: alcuni sono caduti in poche settimane, altri – vedi la Siria - stanno resistendo, ma la storia li ha gia' travolti e mi auguro che anche i fatti possano spazzarli via.

La primavera araba ha fatto emergere nuovi protagonisti. Penso innanzitutto alle forze della difesa nazionale, agli eserciti. In alcuni paesi il ruolo delle forze armate e' stato quello di assicurare la transizione nazionale, in altri hanno dovuto contrastare le polizie al servizio dei dittatori. In Egitto vediamo le forze armate occupate in situazione di sempre più preoccupante contrasto.

Un altro protagonista e' stata la forza giovanile: non strutture forti e organizzate, ma ragazzi collegati tra loro attraverso le reti ed i social network, per chiedere più dignità e diritti.

Infine l'Islam politico, che in alcuni casi ha prodotto forme di partito che prima non c'erano. O, in altri casi, erano ritenute non compatibili con il messaggio del Corano. La sfida dell'Islam politico oggi e' quella di immaginare una rivoluzione che possa permettere delle alleanze con le forze democratiche.
Quando ho parlato di una nuova comunità euromediterranea mi riferivo ai tentativi euromediterranei degli ultimi 25 anni, prima con il processo di Barcellona, poi con l'Unione Mediterranea, che non hanno dato il massimo e non sono andati a buon fine. Rifondare la comunità mediterranea vuol dire oggi affrontare i grandi temi che la primavera araba ha risvegliato, a partire dalla dignità della persona umana, dal rispetto dei diritti dell'uomo, dall'uguaglianza tra uomini e donne, dalla liberta' religiosa, ai diritti dei cristiani.

Il piano Marshall per il Mediterraneo di cui si e' parlato fino ad oggi, ad esempio, non può andare bene, perché non può essere un piano di elargizione di regole fatte da noi e che poi i nostri amici sono chiamati ad applicare.

Questi sono i grandi di dossier su cui l'Europa dovrà dare delle risposte sul mondo arabo. Non sia la crisi una ragione per fermarci. Guardiamo agli errori del passato, al nostro non esserci accorti che qualcosa cambiava, e creiamo una nuova opportunità per diventare veri protagonisti e attori internazionali forti con una nuova visione-missione.
Ti piace questa storia..?

Ricevi gli aggiornamenti ogni giorno! Abbonati!

Seguici!

Pubblicato da Franco Frattini il giorno 18.4.12. per la sezione , , , , . Puoi essere aggiornato sui post, i commenti degli utenti e le risposte utilizzando il servizio di RSS 2.0. Scrivi un commento e partecipa anche tu alla discussione su questo tema.

0 commenti per "Fondazione De Gasperi - Franco Frattini: "rifondare la comunità euromediterranea""

Scrivi un commento

Aree del sito